AIRE

Servizio attivo

Iscrizione all'Anagrafe degli Italiani Residenti all'Estero.


A chi è rivolto

Ai cittadini italiani che hanno trasferito la loro dimora abituale all'estero o ai discendenti dei cittadini italiani che vivono all'estero e hanno fatto trascrivere in italia il loro atto di nascita.

Descrizione

L’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (A.I.R.E.) è stata istituita con legge 27 ottobre 1988, n. 470 (LEGGE 27 ottobre 1988, n. 470 – Normattiva). Essa è gestita dai Comuni sulla base dei dati e delle informazioni provenienti dalle Rappresentanze consolari all’estero.
L’esercizio concreto di molti diritti fondamentali previsti dalla nostra Costituzione dipende dall’iscrizione anagrafica, che se non effettuata correttamente può comportare conseguenze negative in relazione, ad esempio, ai diritti elettorali, sanitari, sociali e fiscali, civili e personali. Al momento del trasferimento all'estero pertanto, l’iscrizione all’A.I.R.E., diritto-dovere del cittadino (art. 6, L. 470/1988), costituisce il presupposto per usufruire dei servizi consolari forniti dalle Rappresentanze all’estero, nonché per l’esercizio di importanti diritti.

L'iscrizione all'AIRE è di norma effettuata a seguito della dichiarazione, resa dall'interessato, all'Ufficio consolare di residenza, attraverso la compilazione di un apposito modello (CONS/01). Tale modello viene trasmesso via pec dall'Ufficio consolare al comune italiano di ultima residenza dell'interessato oppure, in caso di nascita e residenza continuativa all'estero del cittadino, al comune di ultima residenza della madre, del padre o dei suoi antenati.
La dichiarazione deve essere accompagnata, laddove necessario, dai relativi documenti (atto di nascita e attestazione consolare del possesso della cittadinanza).
La dichiarazione di trasferimento di residenza all'estero deve essere resa dall'interessato all'Ufficio consolare competente subito dopo il suo arrivo all'estero e, comunque, entro 90 giorni dalla data dell'espatrio.

Per coloro che si sono trasferiti dall'Italia all'estero, l'iscrizione in AIRE comporta la contestuale cancellazione dall'Anagrafe della popolazione residente. L'iscrizione può essere effettuata anche d'ufficio, nel caso di cittadini che non abbiano presentato le dichiarazioni dovute, ma dei quali gli Uffici consolari competenti abbiano conoscenza, in base ai dati in loro possesso e agli accertamenti eseguiti. Il cittadino viene informato di tale iscrizione attraverso un atto amministrativo del comune, notificato all'indirizzo estero.
La cancellazione dall'AIRE avviene per iscrizione nell'Anagrafe della popolazione residente, a seguito di rimpatrio dall'estero; decesso; irreperibilità presunta; perdita della cittadinanza italiana.
In alternativa è possibile effettuare l'iscrizione all'AIRE tramite istanza presso il comune di residenza. In tal caso la decorrenza dell'iscrizione sarà la data dell'istanza stessa (e non la data di arrivo della comunicazione consolare). Il cittadino si deve comunque presentare entro 90 giorni presso il Consolato di competenza, e l'iscrizione sarà registrata solo all'arrivo del cons/01 (la conferma di avvenuta registrazione all'AIRE da parte del Consolato).

Come fare

L’iscrizione nell’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero deve essere effettuata entro 90 giorni dal trasferimento della residenza attraverso il portale Servizi Consolari Online (esteri.it) compilando l’apposito modulo di richiesta (reperibile nei siti web degli Uffici consolari), a cui allegare la documentazione richiesta dall’Ufficio consolare. Per le modalità di invio dei moduli si suggerisce la consultazione del sito web dell’Ufficio consolare competente

E' possibile effettuare una dichiarazione preventiva (che non esclude le successive procedure consolari) presso il Comune di residenza, nel nostro caso o presentandosi presso lo sportello dell’Ufficio Anagrafe e fornendo l’esatto indirizzo nello Stato estero e la circoscrizione consolare italiana competente o compilando il modulo allegato e trasmettendola, insieme alla fotocopia del documento d'identità all’indirizzo di posta elettronica certificata: comune.campodipietracb@legalmail.it

Cosa serve

Per il perfezionamento dell'iscrizione AIRE è in ogni caso necessario effettuare le procedure consolari entro 90 giorni dal trasferimento della residenza  attraverso il portale Servizi Consolari Online (esteri.it) o verificando modalità alternative sul sito web dell’Ufficio consolare competente

Cosa occorre e requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • residenza in uno stato estero;
  • documento d’identità/riconoscimento in corso di validità;
  • comunicazione tramite pec del CONS/01 da parte del consolato italiano.

Cosa si ottiene

L’iscrizione all’A.I.R.E. è un diritto-dovere del cittadino (art. 6, L. 470/1988) e costituisce il presupposto per usufruire dei servizi consolari forniti dalle Rappresentanze all’estero, nonché per l’esercizio di importanti diritti, quali per esempio:

  • la possibilità di votare per corrispondenza in occasione di elezioni politiche e di referendum, di cui agli articoli 75 e 138 della Costituzione, come previsto dalla legge 459/2001;
  • la possibilità di votare in occasione delle elezioni dei rappresentanti italiani al Parlamento Europeo presso seggi istituiti dalla rete diplomatico-consolare nei Paesi appartenenti all’U.E.;
  • la possibilità di ottenere il rilascio di documenti di identità e di viaggio;
  • la possibilità di richiedere il rilascio di certificazioni di competenza delle Rappresentanze all’estero;
  • la possibilità di rinnovare la patente di guida (solo in Paesi extra U.E.; per i dettagli consultate la sezione Autoveicoli – Patente di guida).

Tempi e scadenze

Tempo per l'iscrizione: 2 giorni dalla protocollazione della richiesta di iscrizione consolare, con decorrenza dalla data di dichiarazione al Comune.

Quanto costa

L’iscrizione non ha alcun costo.

Accedi al servizio

Compilando e inviando la pratica sul portale o prenotare un appuntamento con l'ufficio comunale per informazioni e consegna della copia cartacea.

Prenota un appuntamento e presentati presso gli uffici.

Ulteriori informazioni

Si ricorda che una volta giunto all’estero è indispensabile effettuare le procedure consolari entro 90 giorni.

Con l’iscrizione AIRE si mantiene un legame anagrafico con il vecchio Comune di residenza che continua a poter rilasciare la carta d’identità (al momento solo cartacea) e l’ordinaria certificazione per le elezioni e per i Referendum nazionali
A seguito di iscrizione all'AIRE, tutti gli eventi della persona, durante la sua permanenza all'estero, devono essere comunicati al Consolato competente per il successivo aggiornamento dell’AIRE comunale (nascita di un figlio, matrimonio, cambiamento di città estera di residenza e di indirizzo, creazione di nuova famiglia o decesso di un familiare).

Non devono iscriversi all’A.I.R.E.:

  • i cittadini che si recano all’estero per un periodo di tempo inferiore ad un anno;
  • i lavoratori stagionali;
  • i dipendenti di ruolo dello Stato in servizio all’estero, che siano notificati ai sensi delle Convenzioni di Vienna sulle relazioni diplomatiche e sulle relazioni consolari rispettivamente del 1961 e del 1963;
  • i militari italiani in servizio presso gli uffici e le strutture della NATO dislocate all’estero.

Per maggiori informazioni si consiglia di consultare il sito ufficiale del Ministero degli Affari Esteri

Condizioni di servizio

I dati raccolti tramite la documentazione trasmessa per l’accesso al servizio e durante la fruizione dello stesso sono trattati dall’Amministrazione e dagli eventuali enti terzi nel rispetto delle indicazioni e degli obblighi previsti dalla normativa in materia di trattamento di dati personali.

Contatti

Allegati

Tipo: modulo    Formato: pdf

Ultimo aggiornamento: 21-06-2024

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito? 1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà? 1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli? 2/2

Inserire massimo 150 caratteri